Per facilitare processi di evoluzione e osservazione di paradigmi conosciuti e sollecitare la disponibilità ad esplorarne nuovi sia sul piano individuale che organizzativo, occorre proporre un’alternanza funzionale fra momenti di aula (formazione) e situazioni di confronto sulle esperienze, unitamente all’utilizzo di strumenti scelti efficacemente (counseling, coaching, test intelligenza emotiva) per l’elaborazione degli apprendimenti, affinché sia sempre più percorribile sperimentare conferme a intuizioni vantaggiose sia sul piano fisico (sensazioni), sul piano emotivo (sentimenti, emozioni), e su quello intellettuale (pensiero, immaginazione, creatività).

Come emotionally intelligence executive coach, counselor e facilitatrice di trasformazione affianco persone, leader, manager, dipendenti delle diverse organizzazioni e li sostengo nell’aumentare la consapevolezza e assumere le personali response ability allo scopo di “riscrivere la propria storia” o ridisegnare il proprio ruolo. La soggettività permette di rendere l’apprendimento ancora più variegato e complesso; il confronto tra gli individui offre l’opportunità di aprirsi a diversi punti di vista e a nuove modalità di intendere la realtà circostante.

Tutto questo mi connota come libera professionista, come docente senior del Centro di Formazione Manageriale della Camera di Commercio di Bologna.

COACHING    |    COUNSELING    |    FORMAZIONE